"Dopo gli episodi di "sponsorizzazione sindacale" presso la Casa Circondariale di Bergamo, in verità mai accertate dal Direttore, oggi la UIL denuncia presunte pressioni e strumentalizzazioni in danno di propri dirigenti. Se le segnelazioni pervenute dovessero confermarsi, è fin troppo evidente che si tratterebbe di squallide mosse per mettere a tacere qualcuno che pretende il rispetto delle regole e degli accordi. Azioni per le quali l'Amministrazione dovrebbe dare segnali di moralità e legalità"