"L'organizzazione del servizio Matricola presso la Casa Circondariale di Brescia appare confusa e disordinata. Nonostante un adeguato numero di unità di Polizia Penitenziaria, si registrano problemi sulla distribuzione del carico di lavoro e sull'assegnazione degli incarichi. Pochi terminalisti che, oltretutto, devono occuparsi anche di tutte le altre incombenze proprie dell'Ufficio Matricola. E, come se non bastasse, l'inesistenza del settore SDI, nonostante le disposizioni ministeriali, le cui competenze gravano sugli stessi operatori"

"La risposta del Direttore che, seppur con notevole ritardo, condivide la linea della UIL"