"Sovraffollamento delle sezioni, organico inadeguato, difficoltò a garantire le regole minime di vigilanza a causa di una organizzazione che va necessariamente rivista, carico di lavoro e adempimenti. Questo ed altro nella nota del Segretario Provinciale della UIL, che dovrebbe suonare da stimolo per il Direttore della Casa Circondariale di Como"