"Il Direttore della Casa Circondariale di Lodi parrebbe non rispondere alle istanze legittimamente prodotte dal personale e l'unico interesse mostrato è quello di far convocare gli interessati dal Vice Comandante di Reparto. Un procedura certamente anomala e lontanissima dalle previsioni normative in materia di procedimento amministrativo. Una modalità che oltretutto non lascia trasparire segnali di attenzione nei confronti del personale da parte del Dirigente. La UIL contesta la singolare gestione delle richieste e chiede al Direttore di garantire la risposta formale ad ogni istanza formalmente presentata"

"Il riscontro della Direzione"